Hotel 2000 Hotel Faber
Hotel Leoni
Arte, pittura e scultura

Eron da Rimini alla conquista del mondo

Ultime News - Giovedì 10/08/2017, ore 18:00 - Rimini
Un opera di Eron

Tutti lo conoscono come Eron ma il suo nome è Davide Salvadei. Ha 45 anni, riminese Doc ed stimato in tutto il mondo.

Ha iniziato la sua attività a fine anni ottanta ed è stato definito il pioniere del writing in Italia. Ha frequentato la scuola d'Arte di Urbino, importante l’acquisizione di una formazione strutturata che gli ha consentito di estendere e perfezionare le tecniche espressive e soprattutto il linguaggio figurativo.

Nel tempo si è perfezionato, è cresciuto ed oggi è uno tra i principali interpreti dell’arte urbana e della pittura contemporanea. Fra le sue opere più famose c'è Forever and ever... nei secoli dei secoli (2010), sul soffitto della chiesa di San Martino di Riparotta a Rimini. In pratica è un grande affresco contemporaneo che stimola una riflessione sulla considerazione dei graffiti all’interno dell’universo artistico contemporaneo.

Il talento cristallino dell’artista infatti porta a considerare il graffittismo come una forma di arte nobile tanto e quanto quella considerata tradizionalmente.

Tra i suoi capolavori anche il dipinto sul Nuovo Cinema Teatro di Dogana, nella Repubblica di San Marino, un’istantanea della in senso globale. L’immagine ritrae una ragazza che legge un libro, circondata da un delicato volo di colombe. In pratica è una perfetta simbiosi di cultura, sapienza, arte e fantasia.

Negli anni l’artista di Rimini Eron ha conseguito importanti attestati. È stato eletto il miglior street artist italiano da parte di Aelle Magazine, ha ricevuto il Premio Arte Mondadori e il Terna Prize al Chelsea Art Museum di New York. Si è distinto in prestigiose mostre collettive come quella al Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano, all’Horizon One Gallery - Museo d’Arte Moderna del Cairo, al Palazzo delle Esposizioni, al Museo d’Arte Contemporanea di Roma, alla Biennale di Venezia e all’Italian Cultural Institute di New York.

@Marianna Giannoni