Politica

Parere positivo su criteri per recepimento della legge ‘Sblocca Italia"

Ultime News - Mercoledì 13/01/2016, ore 17:27 - Rimini

Parere positivo, questa mattina, da parte di I e III commissione consiliare, riunitesi in seduta congiunta per affrontare il tema dei nuovi criteri per la ‘determinazione del contributo straordinario, ai sensi del’articolo 16 comma IV lette.d.ter del Dpr n.380/2001 Smi’.
Si tratta, in sintesi, dell’obbligatorio recepimento di quanto disposto dalla Legge 164/2014 (cosiddetta ‘Sblocca Italia’) in ordine al contributo straordinario, da versare all’Ente locale, riferito all’aumento di valore che le aree o gli immobili avranno per effetto di varianti urbanistiche, cambi di destinazione d’uso o deroghe che ne accrescano il valore finanziario. La legge nazionale dispone questo contributo ad attestare l’interesse pubblico dell’intervento, vincolato esclusivamente alla realizzazione di opere pubbliche e/o servizi che ricadano nel contesto dell’eventuale intervento. E’ inteso che, in assenza del’approvazione di tale regolamento di carattere generale, è inibita la possibilità di procedere a qualsivoglia procedura urbanistica di deroga, variante, cambio di destinazione.
Il Comune di Rimini, nella proposta di recepimento della legge ‘Sblocca Italia’, intreccia il tema degli interventi di riqualificazione, recupero e rigenerazione del costruito, da privilegiare rispetto al consumo di nuovo territorio, in linea con quanto indicato nel Masterplan Strategico, approvato nel 2012.
In questo senso sarà agevolato con il pagamento di un contributo più basso chi rientra nella casistica del ‘recupero’ mentre dovrà versare un contributo straordinario più alto chi attua interventi di variante o deroga o cambi di destinazione che determinano l’utilizzo di nuovi spazi.