Spettacoli e cultura

Memorie su Pier Paolo Pasolini: una riflessione sul suo messaggio

Ultime News - Giovedì 29/10/2015, ore 17:55 - Poggio Berni

Nelle prime ore del 2 novembre 1975 muore Pier Paolo Pasolini, ucciso all’Idroscalo di Ostia.

Domenica 1° novembre alle ore 17, all’interno della rassegna “Mentre vivevo” del Centro Sociale di Poggio Torriana,  a 40 anni dalla morte,  “Io piccolo borghese che drammatizza tutto – per liberarci dal limbo dei cattivi pensieri”: è l’invito a una riflessione collettiva sulla figura e sul pensiero di Pier Paolo Pasolini.

Pasolini diceva verità scomode, gettava il suo corpo nella lotta, praticava lo scandalo di contraddirsi, non scopriva segreti, ma rivelava ciò che era già evidente e che nessuno voleva davvero vedere. “Lo scandalo del contraddirmi, dell’essere con te e contro di te; con te nel cuore, in luce, contro di te nelle buie viscere”. (Ass.Quotidiana.com)

Gli interventi prevedono i contributi di Davide Brullo, giornalista e scrittore; Silvia Garbuggino e Gaetano Ventriglia della compagnia Garbuggino/Ventriglia di Livorno; Roberto Scappin di quotidiana.com, con l’intento di porgere non un condensato dei temi pasoliniani, ma soffermarsi su alcuni aspetti della sua visione di poeta e di uomo profondamente  turbato dalla deriva politica e intellettuale del suo paese. 

A seguire, dopo la pausa aperitivo, proiezione di “Comizi d’amore”,  film-documentario del 1963 diretto da Pier Paolo Pasolini e Vincenzo Cerami che con lo strumento dell’intervista indaga sulle opinioni degli italiani in campo sessuale. Una testimonianza spiazzante e divertente.
 
Ingresso 7 con aperitivo
Residenti Poggio Torriana  5 €